.
Annunci online

le idee fan pulite come barcheto by guido arci camalli socio arci camalli
san germain, arci camalli baccini. cervo danze africane
post pubblicato in azioni poetiche, il 27 luglio 2008
un genio un peruviano che festeggia il suo futuro ( foto fatta da sonia)



un genio che suona il flauto traverso



un genio che suona al san germain



un genio di gabbiano che vola



un genio di cantante come baccini

un genio di cervo



un genio di foto


un genio DI DANZE AFRICANE









danze che ogni martedi vedrete alla rabina al pennello ad oneglia



 


liberi dai picconi gialli
liberi di bere nel bar san germain
liberi ascoltare il sonno della barista
liberi di creare ed disfare
liberi pensare senza combattere
liberi di esser felici
liberi nella libertà



permalink | inviato da guidoilcamallo il 27/7/2008 alle 15:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
raq: appello di Amnesty contro pena di morte a Alì il Chimico
post pubblicato in azioni poetiche, il 6 settembre 2007

iraq: appello di Amnesty contro pena di morte a Alì il Chimico

© Amnesty International - International Secretariat
La Sezione Italiana di Amnesty International ha lanciato oggi un appello on line per salvare la vita di tre ex alti funzionari del regime di Saddam Hussein, a rischio imminente di esecuzione dopo che il 4 settembre il Tribunale penale supremo iracheno (Sict) ha respinto il loro ricorso. Si tratta di ‘Ali Hassan al-Majid, Sultan Hashim Ahmad al-Ta’i e Hussain Rashid al-Tikriti, condannati a morte il 24 giugno di quest’anno per l’uccisione di circa 180.000 curdi iracheni durante la cosiddetta campagna di sterminio “Anfal” (Bottino), ordinata da Saddam Hussein nel 1988. Secondo lo statuto del Tribunale, la condanna a morte deve essere eseguita entro 30 giorni dalla sentenza e non è possibile per i condannati ricevere la grazia dal presidente.

"Il processo, aperto nell’agosto 2006 e terminato nel giugno 2007 con la triplice condanna a morte, è stato caratterizzato da interferenze politiche ed è stato ampiamente criticato per non aver rispettato gli standard internazionali di un equo processo" - denuncia il comunicato Amnesty. Dal 2004, anno in cui è stata reintrodotta la pena capitale in Iraq, sono state condannate a morte numerose decine di persone: solo nel 2006 sono state portate a termine circa 65 esecuzioni, molte delle quali a seguito di processi iniqui, come nel caso dello stesso Saddam Hussein, impiccato alla fine dello scorso anno. Secondo la legge irachena, i condannati a morte possono chiedere la grazia presidenziale, a eccezione di coloro che sono stati processati dal Sict.

Amnesty International chiede alle autorità irachene di commutare la condanna a morte inflitta ad ‘Ali Hassan al-Majid, Sultan Hashim Ahmad al-Ta’i e Hussain Rashid al-Tikriti e di intraprendere le azioni necessarie al fine di abolire la pena di morte nella legislazione e nella pratica. “Ci troviamo di fronte a un copione più volte rappresentato nell’Iraq di questi ultimi anni: queste condanne a morte si configurano come un regolamento di conti col regime di Saddam Hussein, verso persone che pure hanno diretto ed eseguito con scrupolo e violenza inaudita una campagna di sterminio contro la popolazione curda” – ha dichiarato Paolo Pobbiati, presidente della Sezione Italiana di Amnesty International.

"Ma come ci dimostra la recente abolizione della pena di morte in un paese come il Rwanda, devastato da una stagione di crimini efferati, la strada per ottenere giustizia è un’altra e non può comprendere forme di ‘giustizia’ che si avvicinano alla vendetta e alla ritorsione. Se l’Iraq vuole veramente gettarsi alle spalle un passato d’isolamento, violenza e repressione, non può ignorare quanto la concezione della pena di morte come punizione crudele, inumana e degradante, oltre che inutile, sia oggi largamente condivisa dalla maggioranza della comunità internazionale" – ha concluso Pobbiati.

Nei mesi scorsi, dopo l'impiccagione di Saddam Hussein, sono stati numerose le condanne a morte nei confronti di funzionari del suo governo. Nel gennaio scorso era toccato al fratellastro di Saddam Hussein, Barzan Ibrahim al-Tikriti e all'ex presidente del Tribunale Rivoluzionario, Hamad al-Bandar al-Sad’un: un'esecuzione che Amnesty ha definito una "brutale violazione del diritto alla vita e un’ulteriore opportunità persa per gli iracheni di veder rispondere del proprio operato i responsabili dei crimini commessi sotto il regime di Saddam Hussein". Amnesty ha successivamente deplorato anche la condanna a morte per impiccagione emessa nei confronti dell’ex vicepresidente iracheno Taha Yassin Ramadhan, definendola "un diniego di reale giustizia per le vittime del regime di Saddam Hussein e un ulteriore attentato ai diritti fondamentali a un processo equo e alla vita". Anche l'Alto Commissario Onu per i diritti Umani, Louise Arbour aveva deplorato la punizione capitale a causa delle irregolarità del processo. [GB]



permalink | inviato da guidoarcicamalli il 6/9/2007 alle 22:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre       
tag cloud